top of page
  • Photo du rédacteurOlivier Cardini

IA: un argomento di IE, comprendere i benefici dell'IA e i rischi ad essa associati, è preferibile !

"In tempi di cambiamento, coloro che sono desiderosi di imparare ereditano un mondo da scoprire, mentre coloro che credono di aver imparato tutto hanno tutto il bagaglio necessario per affrontare un mondo che non esiste più" Eric Hoffer



L’intelligence economica (IE) è una pratica che mira a raccogliere, analizzare e sfruttare le informazioni strategiche per aiutare i decisori a prendere decisioni informate sul loro ambiente economico, sui concorrenti, sui potenziali partner e sui vari rischi connessi.


"L'intelligence economica consiste nel raccogliere, analizzare e diffondere informazioni rilevanti, strategiche e operative, per consentire a un'organizzazione di prendere le migliori decisioni possibili". Christian Harbulot




La definizione pertinente di Intelligenza Artificiale (IA) è data dal suo fondatore, John McCarthy (1955):

"Un'intelligenza artificiale è un programma per computer che esegue un compito che, se svolto da un essere umano, richiederebbe intelligenza".


Le intelligenze artificiali (IA) oggi si basano sui cosiddetti meccanismi di apprendimento statistico o Machine Learning che le portano a riprogrammarsi a partire da un insieme di dati che le circondano.

Strategia aziendale

L'azienda di oggi, a prescindere dalle sue dimensioni, deve essere in grado di valutare i rischi associati alle sue decisioni e all'uso delle nuove tecnologie, ma anche di aprirsi alle opportunità e alle sfide che deve affrontare.


Raccogliere dati aperti ponendosi prima le giuste domande "cosa abbiamo? e "cosa ci manca?" per definire l'ambito della ricerca e raggiungere gli obiettivi.

In un mondo in perenne movimento in cui ogni entità deve conquistare nuovi mercati, proteggendosi al contempo, la Business Intelligence è l'approccio essenziale per anticipare ed evitare di non essere in grado di agire o reagire efficacemente.


"L'intelligenza economica (IE) è un mezzo che consente alle aziende di difendersi dai rischi del mercato, di proteggersi dalla concorrenza sleale e di anticipare gli sviluppi tecnologici ed economici". Jean-Pierre Pérez


Prima di essere uno strumento, un approccio o un processo, la Business Intelligence è soprattutto uno "stato d'animo" che il decisore deve avere per poterlo condividere con tutto il suo team.


"L’IE è una pratica etica e legale che aiuta le aziende a operare in modo responsabile e a proteggere i propri interessi”. Roger J. Magnuson


Nel prossimo futuro, immaginiamo questo "guardiano virtuale" che veglia sulla nostra azienda anticipando le potenziali minacce e analizzando i dati successivi agli incidenti. L'intelligenza artificiale può aiutare a comprendere le vulnerabilità della sicurezza e ad apportare miglioramenti proattivi per aumentarla.

Poiché l'IA è in grado di apprendere e adattarsi continuamente ai dati raccolti, migliora la sua capacità di rilevare minacce nuove ed emergenti.

Questo è forse ciò che l'intelligenza artificiale (AI) potrebbe offrirci nella cybersecurity, portando una nuova potente dimensione alla difesa contro le minacce informatiche.



Questa sinergia consentirà ai responsabili delle decisioni di adottare un approccio proattivo per adattarsi ai diversi cambiamenti, ottimizzare la strategia e prendere decisioni informate per massimizzare le prestazioni.


Un importante vantaggio della sinergia tra business intelligence e intelligenza artificiale risiede nel miglioramento del supporto alle decisioni. Le aziende generano e raccolgono costantemente enormi quantità di dati, ma la loro elaborazione può essere complessa e richiedere molto tempo. L'intelligenza artificiale consente di automatizzare e migliorare la gestione dei dati, organizzandoli, classificandoli e analizzandoli in tempo reale. Ciò consente di trasformare i dati grezzi in informazioni fruibili, fornendo approfondimenti informati per il processo decisionale.



Il "passo laterale", un elemento essenziale dell'approccio IE


Fate sempre un "passo laterale", essendo consapevoli delle opportunità e dei rischi di ogni strumento... Per quanto riguarda l'Intelligenza Artificiale, tenete presente... che è l'essere umano che deve essere il padrone dell'IA e non il contrario!


"È necessario combinare le capacità di tutti per portare a termine un unico compito, tenendo conto che ognuno ha autorità e responsabilità distinte. Questo crea un'unità di sforzo piuttosto che un'unità di comando e rappresenta una sfida gestionale molto più complessa".

Ammiraglio Thad Allen (2010)


L’IE è un tema collaborativo e transdisciplinare, il cui obiettivo principale è assistere il processo decisionale, sia per scopi francesi che internazionali, all'interno di un quadro giuridico.


L’IE è uno stato mentale, una cultura dell'informazione, un modo di pensare che mira a trasformare le informazioni in conoscenze utili all'azione". Philippe Clerc




Gestire, anticipare e comprendere per evitare l'effetto sorpresa!


"La sicurezza non deve mai essere un pensiero tardivo. Deve essere integrata fin dall'inizio".

James H. Clark


Protezione dei beni immateriali (audit e valutazione dell'impronta digitale per ridurne la vulnerabilità ...). L'intelligenza artificiale (IA) sarà uno strumento importante per l'individuazione delle minacce.

Dall'altro lato, i rischi di fughe di dati, "ChatGPT" ad esempio, che si nutre delle informazioni che gli portiamo con il rischio che tali informazioni vengano ritrasmesse in seguito ad altri attori... L'uso dell'IA da parte degli hacker per creare campagne di phishing e spearphishing... Nella creazione di codice con intento malevolo...


"La sicurezza informatica riguarda le persone, i processi e la tecnologia. Non si possono risolvere i problemi di sicurezza solo con la tecnologia". Bruce Schneier



IA: un argomento EI - Comprendere i vantaggi dell'IA e i rischi ad essa associati


La combinazione di diversi strumenti di IA sarà sia rilevante per la comunicazione e il marketing, ma anche, in modo ingannevole, nelle mani degli aggressori per le potenziali vittime!!! Nelle criptovalute, l'appropriazione di un noto strumento di IA per truffare gli utenti (piattaforma fittizia) o su progetti di criptovalute con lo stesso nome che appaiono su alcune blockchain per truffare gli investitori.

L'IA non ha emozioni, né empatia, né intuizione, né ascolto. L'IA non è intelligente nel vero senso della parola. Gli esseri umani hanno le loro qualità e la loro creatività... ma, attenzione, un aggressore che utilizza l'IA, può far credere alla sua vittima il contrario, utilizzando diversi pregiudizi cognitivi...


"La sicurezza informatica è un problema umano prima che tecnico. Gli hacker spesso prendono di mira il comportamento umano piuttosto che le vulnerabilità tecniche". Theresa Payton, ex responsabile della sicurezza informatica della Casa Bianca.


Tutti i dipendenti devono sentirsi interessati alla competitività e alla protezione dell'azienda, a sostegno di una metodologia semplice, di strumenti adeguati e di un codice etico chiaro e preciso. È il loro interesse, da lì l'intelligenza economica infonde la strategia di sviluppo, protezione e influenza dell'azienda... e la visione "intelligenza del lavoro".


Considerare l'IA in un approccio EI significa tenere conto delle enormi opportunità dello strumento (velocità, analisi...), ma anche dei rischi correlati (riservatezza, utilizzo da parte di hacker...) e della nozione di fiducia dell'utente, responsabilità, protezione dei dati ed etica.


"L’IE può aiutare le aziende a identificare le tendenze del mercato e le opportunità di crescita prima dei loro concorrenti". Jon Harris



L'IA come strumento per l’IE


Attraverso i Digital Learning Twins, l'IA contribuisce alla raccolta e alla sintesi (al volo) di dati strategici. Inoltre, consente l'estrazione automatica di informazioni e conoscenze nitide e rilevanti. A differenza del gemello digitale classico, che di solito è statico e basato su modelli prestabiliti, il "gemello digitale che apprende" è in grado di adattarsi e imparare da nuovi dati.

Può assimilare e analizzare in tempo reale le informazioni provenienti da database, feedback degli utenti e altre fonti per migliorare la comprensione del sistema reale che rappresenta. L'apprendimento automatico consente al gemello digitale apprendente di sviluppare modelli interni che possono essere utilizzati per ottimizzare o simulare azioni per migliorare le prestazioni del sistema.

Un altro vantaggio del gemello digitale apprendente come strumento di IE è la sua capacità di evolversi nel tempo. Man mano che si raccolgono nuovi dati e si sviluppano nuovi modelli, il gemello digitale che apprende può migliorare continuamente, diventando più preciso ed efficiente nella sua rappresentazione e analisi del sistema.


Ad esempio, nel campo della gestione energetica di un'azienda agricola, un gemello digitale che apprende può analizzare i dati di consumo energetico di un edificio in tempo reale e proporre raccomandazioni per ottimizzare l'uso dell'energia in base alle esigenze degli utenti e alle condizioni meteorologiche.


Inoltre, l'intelligenza artificiale (IA) può essere utilizzata nella business intelligence, analizzando le informazioni in tempo reale disponibili su social media, forum, siti web e altre fonti per individuare le tendenze emergenti, le opinioni dei consumatori, le recensioni di prodotti e servizi e le percezioni dei marchi. Ciò consente all'azienda di rimanere informata su ciò che si dice di lei, del suo ambiente competitivo e del suo mercato, e di adattare di conseguenza la propria strategia.

L'intelligenza artificiale (IA) può essere utilizzata anche nella gestione delle relazioni con i clienti (CRM), analizzando i dati sul loro comportamento e sulle loro preferenze per personalizzare le offerte, anticipare le loro esigenze e migliorare la loro soddisfazione. Può anche automatizzare alcuni processi di assistenza ai clienti, come le risposte alle richieste di informazioni, le richieste di assistenza post-vendita e i processi di gestione dei reclami, migliorando così l'efficienza operativa e fornendo un servizio migliore ai clienti.


In definitiva, una sinergia tra intelligenza economica (IE) e intelligenza artificiale (IA) offre molti vantaggi ai responsabili delle decisioni, a condizione che siano ben consapevoli dei rischi e della propria posizione. Una migliore comprensione del proprio ambiente, un processo decisionale informato, una gestione ottimizzata dei dati e la prevenzione dei rischi. Le possibilità sono infinite e la combinazione di queste due aree promette di rivoluzionare il modo in cui gestiamo la nostra strategia e l'anticipazione... sta a noi gestire le nostre decisioni.



"Non si possono fermare le onde, ma si può imparare a surfarle”. Dr. Jon Kabat-Zinn



Коментарі


bottom of page